Prendersi cura di un pesce rosso: Guida facile e divertente per principianti

Come prendersi cura di un pesce rosso: Guida facile e divertente per principianti

Questa è la migliore guida in assoluto per imparare a prendersi cura dei pesci rossi. :)

Se siete dei principianti che cercano qualcuno che vi spieghi le basi, adorerete questa guida. Potete crearvi una comunità di pesci rossi in salute anche senza avere:

  • Tempo.
  • Conoscenze.
  • Esperienza.

Vi mostrerò i passi precisi da seguire per salvare il vostro nuovo pesce rosso dai disastri.

Approfondimenti:

Passo #1: Migliorate la qualità di vita del pesce rosso scegliendo l'acquario della misura giusta

Cominciamo: Prima di tutto vi servirà... …un acquario. Di che dimensioni? Dipende dal pesce rosso. E dal numero di pesci rossi. Esistono due tipi di pesci rossi: con una sola coda e carini. I pesci rossi magri e con una sola coda diventano così grandi (lunghi più di trenta centimetri!) che hanno bisogno di 150 litri di acqua a testa. Un momento, cosa?!

Lo so, è difficile credere che possono partire così piccoli e diventare così grandi. Sono esistiti persino esemplari lunghi più di un metro e ottanta!

I pesci rossi carini (quelli con i corpi corti e la doppia coda) variano dai 15 ai 20 centimetri, quindi dai 37 ai 75 litri per pesce va benissimo. Le loro dimensioni li rendono più adatti agli acquari. Andrà bene qualsiasi contenitore per pesci, purché sia sicuro. Il vetro, l'acrilico e persino i tubi di plastica offrono tutti vantaggi diversi. Al vostro pesce rosso non importerà, purché abbia lo spazio che gli serve.

Probabilmente vi starete chiedendo: “Posso tenere un pesce rosso in una scodella?” Mi dispiace, le scodelle sono fuori questione. Siete tornati? Perfetto! Il mio consiglio è di scegliere l'acquario più grande che vi possiate permettere.

Più è grande l'acquario, più sarà in salute il pesce. Più sarà in salute il pesce, più felice sarà il proprietario. Ora che sapete quale acquario scegliere, battete il cinque con voi stessi (e continuate con il passo #2).

Passo #2: Acquistare l'equipaggiamento necessario a mantenere un pesce rosso

Ecco come stanno le cose: L'elettricità è un concetto relativamente nuovo. Per migliaia di anni, i pesci rossi sono stati tenuti nei contenitori senza la tecnologia moderna.

Quindi…

I filtri NON SONO necessari. Però aiutano. I pesci rossi producono sporco, e le tossine del loro sporco nuoce o li uccide. Se non volete fare continui cambi all'acqua ogni settimana per rimuovere quelle tossine, vi servirà un filtro per mantenere la qualità dell'acqua sicura. Quali dimensioni otterrete dipenderà dalle dimensioni dell'acquario. Momento!

Dovrete comunque cambiare l'acqua. (Più tardi vi spiego.) Ci sono degli inserti di carbone che potete acquistare per il vostro filtro, se usate i filtri che si appendono. Vi raccomando anche di trovare un luogo dove possano crescere dei batteri positivi… o all'interno del filtro principale o lungo il filtro. I filtri a spugna sono un'ottima opzione.

I batteri benefici aiutano a mantenere l'acqua pulita. Per cambiare l'acqua, vi servirà un sifone. Quelli che si connettono al lavello sono ottimi per gli acquari più larghi di 75 litri e vi risparmierà molti dolori alla schiena dovuti al trasporto dei secchi.

Consiglio anche qualche attrezzo che produce le bolle, ottimo per aumentare l'ossigeno.

Si dice che ai pesci piaccia anche giocarvi. Per farlo funzionare, vi serviranno delle tubature e una pompa dell'acqua. (Sono necessari anche per far funzionare i filtri delle spugne). Non costano molto.

Un secchio da 20 litri e una spugna per pesci sono d'aiuto. Visto che siamo in argomento… I nidi per acquari possono essere d'aiuto per sistemare l'arredamento dell'acquario, ma non vi raccomando di usarli sul pesce rosso (inseguire il pesce gli provoca stress). Delle mani gentili e pulite andranno benissimo. Questo è importante:

La qualità dell'acqua nell'acquario è probabilmente uno dei fattori più importanti per mantenere il pesce in salute. Acqua cattiva = pesce ammalato. Usare acqua del rubinetto? Non dimenticate di usare un condizionatore dell'acqua per togliere il cloro e altre sostanze nocive.

Ma come si fa a capire se l'acqua ha delle tossine? Potete aspettare che i pesci inizino a galleggiare come mosche… … oppure potreste testare l'acqua con un semplice kit.

A voi la scelta.

Per quanto riguarda l'illuminazione: Se scegliete di acquistare un cappuccio con una luce, è una buona idea tenere le luci spente di notte, così il vostro pesce potrà dormire.

Non tutti gli acquari necessitano di un supporto, ma se volete vedere il vostro pesce a livello dell'occhio allora diventa un obbligo. E poi, gli acquari che si trovano a terra possono diventare più difficili da pulire. Un acquario completo può pesare moltissimo, quindi il vostro supporto dovrà essere in grado di reggere quel peso. Per quanto riguarda la temperatura, probabilmente avete sentito questo:

“I pesci rossi sono pesci di acqua fredda. Non hanno bisogno del riscaldamento.” Non è del tutto esatto. Anche se nascono nei fiumi, i tipi più carini non sono molto tosti.

Ci sono anche prove che si ammalano più comunemente nelle acque più fredde.

Finché c'è abbastanza ossigeno nell'acqua, i pesci rossi stanno meglio nell'acqua con le temperature intorno ai 21 gradi. I riscaldamenti aiutano anche a mantenere la temperatura stabile.

Prima di uscire dal negozio di animali, c'è un'altra cosa di cui non dovete dimenticarvi…

Passo #3: Scegliere il cibo adatto per il vostro pesce rosso

Alcuni cibi per pesci rossi sono una pessima idea. Prendete i fiocchetti commerciali, per esempio. Non appena colpiscono l'acqua, i fiocchetti iniziano a filtrare gli ingredienti, danneggiando la qualità dell'acqua. Il pesce finisce poi per ingerire moltissima acqua. Risultato? … un pesce rosso costipato che galleggia. Anche i cibi congelati, come i vermi, possono causare questo problema.

Ecco perché non lo raccomando. Prendete invece del cibo di qualità come il Repashy (e ricordate che se è economico non è migliore). Le palline di cibo forniscono tutti i valori nutritivi di cui hanno bisogno i pesci e sono digeribili. I migliori hanno moltissime proteine, grassi e pochissima fibra. Il tipo di palline che affondano sono l'ideale. Ma ecco il bello: Non importa cosa comprate, i cibi confezionati (che sono molto ricchi) non forniscono una dieta completa. Sarebbe come se una persona mangiasse cheeseburger a pranzo e a cena.

Sarebbe ammalato e sovrappeso. Per questo dovreste nutrire il vostro pesce con molte verdure in fibra. Ed ecco perché le piante vive sono ottime. Il che ci porta al prossimo passo…

Passo #4: Scegliere le decorazioni per l'acquario unendo l'utile al dilettevole

Ecco una cosa su cui siamo tutti d'accordo: Un acquario vuoto è piuttosto noioso. Il riparo dà al pesce un luogo dove nascondersi e riposarsi. Ed è carino.

Ora potete sbizzarrirvi comprando delle decorazioni artificiali dando mano al vostro portafogli come se non ci fosse un domani… … ma alla fine, il vostro pesce potrebbe non apprezzarlo neanche.

A volte queste decorazioni fanno più male che bene. Per esempio, le navi che affondano provocano molte ferite. I pesci rossi sono molto impacciati. Soprattutto quelli che ci vedono poco, come i Telescopi e i Bubble Eyes. I loro occhi sporgenti si danneggiano facilmente sui bordi affilati. In alcuni casi, potrebbero diventare persino ciechi. Ecco perché le piante soffici sono una scelta migliore. Le piante finte possono essere carine, ma al pesce non offrono molti interessi.

Posso darvi un suggerimento? Prendete delle piante vive per il vostro acquario. Offrono un realismo con cui nessuna pianta finta può competere. Volete sapere qual è la parte migliore? Le foglie morbide sono un cibo salutare in qualsiasi momento. Per quanto possa sembrare strano, persino le parti in decomposizione sono buone!

Le Elodee sono un'ottima scelta, ma ce ne sono anche molte altre. Anzi, è difficile trovare delle piante che i pesci non mangiano… ma le Anubias o le Java Fern andranno benissimo. Fidatevi di me – il vostro pesce ve ne sarà grato! Qualunque pianta scegliate, assicuratevi di lavarla nell'acqua col cloro per disinfettarla.

Ora: Dovreste mettere uno strato di sabbia, ciottoli o ghiaia in fondo all'acquario? Be', esistono dei pro e dei contro. La ghiaia sono belle a vedersi, ma potrebbero intrappolare del cibo avanzato o dello sporco.

Questo le rende difficili (anzi, IMPOSSIBILI) da pulire. Non sono una buona scelta per i pesci rossi. La sabbia per acquari è buona se usata in uno strato sottile (giusto per coprire il fondo). I pesci rossi vi frugheranno per cercare qualcosa da mangiare.

Anche se non è altrettanto attraente, il fondo nudo è ciò che i proprietari di pesci preferiscono. In questo modo sanno sempre che cosa sta accadendo sul fondo e possono tenere il fondo pulito.

Non appena avrete preso tutto l'equipaggiamento che vi serve, è tempo di seguire il passo 5 della nostra guida…

Passo #5: Seguite questa semplice strategia per preparare il vostro acquario

Congratulazioni! Avete raccolto i vostri materiali. Ora è tempo di mettere tutto insieme. Riesco già a sentirvi chiedere: “Dove dovrei mettere l'acquario?” Lieto che me lo abbiate chiesto. Sul serio, ci sono moltissimi posti che andrebbero bene. Vi consiglio di evitare zone dove si cammina spesso o con continui sbalzi di temperatura.

Non dimenticate: Avrete anche bisogno di prese elettriche e di un lavello nei pressi. Tenete a mente che dovrete essere in grado di mettere le mani nell'acquario da sopra! Avete capito dove metterlo? Fantastico! È ora di mettere il filtro, l'attrezzo per le bolle e il riscaldamento dove li preferite.

Ma non attaccateli subito, o potreste farli esplodere. 😉 Se avete preso delle piante o altri oggetti decorativi, questo è il momento di capire come volete che sia tutto sistemato. Riempite l'acquario di acqua e poi attaccate i vari apparecchi alla corrente. Ora che l'acquario è completamente sistemato, non vi sembra che manchi qualcosa?

Passo #6: Aggiungere i pesci all'ambiente

Un consiglio: La maggior parte delle persone spendono 15 centesimi per il loro primo pesce rosso e puntano generalmente sui feeder. E quasi tutti ne prendono troppi e li fanno morire rapidamente. Ecco perché questi pesci non dovrebbero essere tenuti in un acquario…

… e vengono prodotti in massa come cibo per altri animali. Il vostro pesce rosso non dovrebbe MAI uscire da un'acquario di feeder.


Può risultare difficile trovare pesci rossi di qualità. Iniziare con un pesce malato (anche se non è un feeder) non porta mai ad un lieto fine, soprattutto per i principianti. Ecco un altro consiglio: Quasi tutti i pesci rossi dei negozi sono già malati o sul punto di ammalarsi.

I negozi di animali non possono permettersi la quarantena per ogni spedizione di pesce e curarne le malattie prima di metterli in vendita. Possono solo spedirli e rispedirli. Forse ora avranno un bell'aspetto, ma sono passati per molte stazioni e sono molto stressati quando arrivano alla loro destinazione finale. Una volta arrivati a casa, sono praticamente appassiti.

Ecco perché si sente così spesso dire: “I miei pesci rossi MUOIONO SEMPRE!”

Che cosa fare se avete appena acquistato un pesce rosso da un negozio? Una parola… Quarantena

Dovrete curare il vostro pesce di persona. E se avete già dei pesci, avrete bisogno di un altro acquario per farlo, così che il vostro pesce non contamini gli altri. Il sale (per la maggior parte dei parassiti) è un buon punto di partenza.

Dosate l'intero acquario con uno 0.3% di salinità. La quarantena dura circa quattro settimane. I pesci rossi hanno la cattiva reputazione di vivere poco perché le persone non li mettono in quarantena. E a volte, anche dopo aver fatto la quarantena, il pesce è troppo esausto per sopravvivere. Normalmente un pesce di qualità e in salute può vivere dei decenni.

Ma dovrete cominciare da un pesce. La maggior parte delle persone crede che i negozi di animali siano l'unica opzione, per questo comprano lì il cibo per i loro pesci.

In realtà, acquistare direttamente da un allevatore professionista è facile e non richiede di andare da nessuna parte.

Ancora meglio, il vostro pesce potrebbe essere già stato messo in quarantena e sarà molto meno stressato. Cominciate sempre con un pesce in salute, se ne avete la possibilità. Non ve ne pentirete. So che quei prezzi economici nelle catene di negozi sono molto invitanti.

Ma ricordate: Forse inizialmente spenderete un po' per avere un pesce rosso di qualità…

… ma risparmierete molto più denaro se eviterete di comprare dei pesci economici. Per non parlare dei costi necessari a curare un pesce malato. (E sono alti!) Ora che avete il vostro bellissimo nuovo pesce rosso, ecco come presentargli o presentarle l'acquario. Riempite la borsa di acqua dai 30 ai 60 minuti per stabilizzare la temperatura.

Aprite la borsa. NON BUTTATE l'acqua cattiva dall'acqua all'acquario.

Usando mani pulite, tirate gentilmente su il pesce e trasferitelo nell'acquario.

Ecco fatto! Spesso i nuovi pesci si nascondono sul fondo per un po' finché non si sono adattati al nuovo ambiente. Forse all'inizio saranno un po' diffidenti, ma dopo un po' si abitueranno.

Passo #7: Ecco come prendersi regolarmente cura del pesce rosso (e renderlo felice)

Sarebbe fantastico se ci fosse l'opzione automatica per prendersi cura del pesce rosso. In questo modo potreste rilassarvi e lasciar perdere. Ma quando si tratta di animali domestici, siete voi al comando. La vostra cura (o mancanza di cura) determinerà se gli animali vivranno o moriranno. Hanno BISOGNO di voi.

Le loro vite sono nelle nostre mani. Siete voi a determinare quanto è pulita la loro acqua, quanto sono affollati gli acquari, se hanno abbastanza cibo e cosa fare quando stanno male.

Quindi avete delle responsabilità da prendere se volete che il pesce sopravviva. Dargli da mangiare è ovvio. Per quanto riguarda cosa e quanto mangiano dipende da voi. Il problema è che i pesci rossi sono divertentissimi da nutrire! È facile continuare a dare loro di più e di più! Non sono mai sazi. Ma troppo cibo porta a diversi problemi. Che lo sappiano o no, hanno bisogno che voi siate abbastanza forti da LIMITARE quelle ricche palline di cibo. Siate certi di avere sempre scorte di verdure per pesci, così non patiranno mai la fame. E proprio come ai gatti bisogna cambiare la lettiera… … ai pesci bisogna cambiare l'acqua. E dev'essere fatto regolarmente. Questo perché il filtro converte i veleni nell'acqua in una sostanza più sicura, ma non può sbarazzarsi completamente di quella sostanza.

La sostanza si disperderà fino a nuocere ai vostri pesci rossi. La soluzione? Sostituite il 90% dell'acqua dell'acquario con acqua fresca e pulita ogni settimana.

Potete farlo con il sifone che avete comprato. Va bene cambiare l'acqua tutti i giorni, se necessario. Ultimo ma non per importanza: Tenere d'occhio i pesci è importante per assicurarsi che non succedano cose strane.

Fate attenzione a come nuotano, dove trascorrono il loro tempo nell'acquario e che aspetto hanno. Fortunatamente guardare i pesci rossi è divertente e piacevole! (È per questo che li teniamo, dopotutto) Ogni volta che notate un cambiamento nell'aspetto o nel comportamento dei pesci cambiate l'acqua.

Non dovreste stare neanche un giorno senza guardarli, perché a volte possono cambiare le cose anche in pochissimo tempo. Siete pronti a tenere dei pesci rossi?

Allora vi servirà sicuramente la nuova guida passo-per-passo che ho appena messo insieme.

Contiene tutto ciò di cui avrete bisogno per imparare a tenere i pesci rossi, così saprete sempre cosa fare.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 4 persone con una media di 5.0 su 5.0)

0 Commenti

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty