Parrocchetto di Bourke: Allevamento, alimentazione e Nidificazione

Parrocchetto di Bourke: Allevamento, alimentazione e Nidificazione

Il Parrocchetto di Bourke (Neopsephotus bourkii) è un parrocchetto australiano strettamente collegato ai Neophema come i Parrocchetti Turchesi e gli Splendidi. È stato chiamato così dal Generale Richard Bourke, governatore del New South Wales dal 1831 al 1837. Vengono allevati in cattività dal 1877.

Vivono dappertutto nelle aree interne centrali e meridionali degli Stati Uniti, ma anche a ovest. Preferiscono vivere nelle zone steppose aride e semiaride e vivono in coppia o in gruppi di non più di 10-30 esemplari. In Australia sono protetti, ma il loro numero, grazie a questa cosa, è in crescita.

La versione selvatica del Bourke è un uccello marrone con l’addome e il petto rosa e la parte posteriore blu. Il maschio ha una fronte blu che è assente nella femmina. Come dice il nome stesso, mangiano sementi di piante erbacee e sono attivi soprattutto all’alba e al tramonto.

Questi uccelli vengono chiamati pappagalli, ma per la taglia sono più vicini ai parrocchetti lunghi 18-20 centimetri e con un peso di circa 45 grammi. Vivono in media 15-20 anni in condizioni ottime.

Allevare i Bourke

Il loro ambiente naturale è caldo e asciutto ma i Bourke di solito non richiedono un calore particolare. Come per la maggior parte degli uccelli, proteggerli dagli eccessi meteorologici è sempre una buona idea ma d’altra parte possono vivere in una voliera chiusa con complicazioni minime nel clima del nostro paese.

Di regola i Bourke hanno un carattere piacevole; sono amichevoli e non aggressivi. Sono piccoli uccelli intelligenti e anche molto tranquilli, emettono delicati cinguettii che possono coprire i versi dei fringuelli zebra. Sono dei fantastici uccelli per chi prova a cominciare ad allevare un membro della famiglia dei pappagalli.

Se sono stati allattati a mano, si legano molto ai proprietari. Ma sono anche capaci di tenersi impegnati quando sono soli e non sono molto attivi durante la giornata, seguendo lo stile di vita dei selvatici. Hanno bisogno di stare un po’ di tempo fuori dalla gabbia in aree controllate per fare esercizio.

L’esperienza personale ha mostrato che gli uccelli allattati dal genitore possono essere discretamente addomesticati dedicando loro tempo e pazienza e vi si siederanno volentieri sulla spalla o sul braccio o verranno a prendere il cibo dalla vostra mano. In una voliera vivranno bene con gli altri, anche con gli uccelli più piccoli. A volte possono essere intimoriti dagli uccelli più grandi, ma con l’esperienza riescono a difendersi all’occorrenza. Gli piace arrampicarsi nella voliera; gli alberi sono i loro preferiti ma al contrario di molti pappagalli non sono dei masticatori, facendo quindi meno danni. Apprezzano anche un bagnetto, quindi dovrebbero avere accesso ad un bagno e all’acqua fresca.

Ricorda che i Bourke si nutrono spesso a terra, quindi assicurati che la base della gabbia sia priva di batteri come le muffe per prevenire malattie.

Bourke Rosa

Ci sono diverse mutazioni dalla forma selvatica di Bourke e la più conosciuta di queste è la Bourke Rosa. Questi uccelli sono più rosa rispetto agli esemplari selvatici con poco se non nessun colore blu addosso ed un piumaggio prevalentemente rosa. C’è anche una mutazione lutino piuttosto diffusa con tutte le parti dell’uccello di colore blu che diventano gialle e gli occhi rossi. Altre mutazioni meno frequenti includono quella rubino, opalino, cinnamon, Isabella, fallow e pale fallow.

Alimentazione dei Bourke

Semi, erbe e piante compongono la loro dieta da selvatici, così come frutti, bacche e insetti. Ci sono mix speciali di semi disponibili per gli erba parrocchetti e per i Neophema, ma mangeranno volentieri anche mix di semi per parrocchetti ondulati, con aggiunta di semi trattati come il miglio e lo zafferanone, frutta fresca e verdure.

I semi germogliati sono un’altra opzione molto consigliata per la dieta di un Bourke. Questi hanno più valori nutrizionali rispetto ai normali semi in quanto il grasso contenuto nei semi viene utilizzato durante la germogliazione, lasciando quindi solo le parti buone. Apprezzeranno anche il cavolo riccio, gli spinaci, i broccoli, la lattuga, la bietola, la carota grattugiata, il mais e la frutta come la pera, la banana, l’uva e la mela. Inoltre apprezzeranno erbe come il cardo, il tarassaco, il centocchio e le erbe da semina.

È utile anche lasciare loro accesso a vitamine come il calcio, così da fargliele assumere da soli quando lo necessitano. Per la femmina è importante nel periodo dell’allevamento ma anche per la salute generale delle piume e per aiutare la digestione.

Nidificazione

Il loro posto ideale per la nidificazione è la buca di un albero, solitamente in un’acacia o una casuarina a circa un metro sotto il terreno, tipicamente 25 x 25 x 40 cm. Non hanno un tempo di alimentazione specifico in cattività mentre in libertà va da agosto a dicembre. A causa di questo possono essere relativamente fertili una volta in coppia.

In condizioni selvatiche, i Bourke fanno 3-6 uova che la femmina cova per 18-19 giorni. In questo periodo viene nutrita dal maschio e si allontana occasionalmente dal nido per fare esercizio. Il maschio si siederà nelle vicinanze e la proteggerà, pronto a difendere lei e il nido se necessario. Gli uccellini mettono le piume intorno alle 4 settimane, mentre la madre continua a nutrirli. Una volta messe le piume, gli uccellini verranno nutriti dai genitori fino alle 7-8 settimane di vita e possono essere separati da loro, se richiesto.

Conclusione

I Bourke sono uccelli perfetti per cominciare con la famiglia dei pappagalli, poiché hanno un carattere calmo e fanno poco rumore, vivendo tranquillamente in varie condizioni. Possono occupare una grande gabbia o una voliera e la condividono volentieri con gli altri con problemi davvero minimi. La loro dieta è semplice, specialmente grazie ai nuovi mix pensati per gli erba parrocchetti e ad un buon equilibrio di cibo fresco per aiutare a tenerli in salute. Ci sono specie molto gradevoli che possono essere addomesticate anche se non nutrite manualmente che vi daranno grandi soddisfazioni.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 11 persone con una media di 5.0 su 5.0)

2 Commenti

  1. pietro

    da un maschio opalino con femmina rubino ottengo sogetti ? sono sessolegati oppure possono venire maschi rubino e femmine opalino ?

  2. enzo

    Descrizione ottima ,sono un maturo principiante,ma è davvero sufficiente per trattare l'acquisto ad armi pari con il venditore,certamente più agguerrito. Il resto verrà con l' "uso " .Grazie . Enzo

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty