Le Donne incinte che hanno un Gatto devono stare attente alla Toxoplasmosi?

Le Donne incinte che hanno un Gatto devono stare attente alla Toxoplasmosi?

In passato si diceva che le donne incinte non dovevano avere assolutamente nulla a che fare con i gatti, per il rischio di toxoplasmosi, malattia che potrebbe essere nociva per i bambini. In passato, infatti, per evitare questi problemi se la padrona rimaneva incinta i gatti venivano dati in adozione o portati in rifugi per animali.

Persino oggi molte persone credono che le donne incinte dovrebbero stare alla larga dai gatti, ma quale è la verità? I gatti costituiscono davvero un rischio di toxoplasmosi per le donne incinte? Se sì, cosa possiamo fare al riguardo? Continua a leggere per saperne di più.

Cos'è la Toxoplasmosi? La Toxoplasmosi è una malattia parassitaria causata dal parassita Toxoplasma gondii, che spesso può essere portata da umani adulti che non manifestano alcun sintomo. Nel caso in cui la presenza del parassita porta alla malattia, si potrebbero avere linfonodi ingrossati e sintomi simili a quelli dell'influenza che, in alcuni casi, persistono per diverse settimane.

Di solito, la patologia causa problemi solo in persone con un sistema immunitario debole; ma nel caso delle donne incinte, l'infezione con la toxoplasmosi può essere passata al feto e può portare a una condizione chiamata toxoplasmosi congenita.

In proporzione, circa un quarto dell'Italia porta il parassita in qualsiasi momento, e i sintomi o problemi dovuti alle conseguenze sono davvero rari.

E i gatti che c'entrano?

Il parassita Toxoplasma gondii può diffondersi in diversi modi, e il più comune è mangiando la carne cruda. Anche i gatti possono portare e trasmettere il parassita ad altri gatti (ad esempio tramite l'accoppiamento), o alle persone tramite le loro feci.

Il parassita si trasmette anche tramite sangue, ciò significa che c'è il rischio di passarlo anche con le trasfusioni di sangue. Il primo caso riconosciuto di toxoplasmosi nei gatti non è avvenuto fino agli anni '40, quando è stato trovato sia nelle feci del gatto che nell'ambiente a lui circostante, nel quale può rimanere contagioso per un anno.

Non abbiamo cifre precise per quanti gatti in Italia hanno il parassita, ma si dovrebbe aggirare tra i 18-80%, che significa la maggior parte della popolazione felina italiana. Il parassita è più presente in gatti selvatici che catturano la loro preda da soli, perché possono contrarre la malattia da altri animali – quindi anche i gatti domestici che cacciano molto corrono un alto rischio di diventare portatore del parassita. Tuttavia, se la maggior parte della popolazione felina ha il parassita, probabilmente sarebbero contagiosi per circa un paio di settimane nella loro vita, dato che le ovocisti responsabili della trasmissione del parassita cambiano nei gatti infetti una o due volte nella loro vita. Detto ciò, un gatto che elimina ovocisti ne elimina a milioni durante il periodo di infettività, e possono sopravvivere nell'ambiente e continuare a diffondersi per diversi mesi.

Al momento non esiste nessun vaccino per prevenire la toxoplasmosi né nei gatti, né negli umani.

Perché la toxoplasmosi comporta un rischio per le donne incinte?

Si dice che molte donne incinte hanno il parassita della toxoplasmosi senza che né loro, né i feti abbiano alcun sintomo; tuttavia, in casi rari, la condizione può fare del male al feto infettandolo con la toxoplasmosi congenita, che può portare a diversi problemi. Nei bambini infetti, la malattia inizia a presentarsi nel corso dei suoi primi sei mesi di vita. Può causare problemi come ad esempio nascita prematura, disabilità fisiche e mentali e tutta una serie di altre patologie potenzialmente pericolose che nel corso della crescita potrebbero cambiare la vita del bambino.

Certo, la toxoplasmosi congenita è molto rara, ma è anche molto seria e non dovrebbe mai essere ignorata.

Quanto sono a rischio le donne incinte con i gatti?

Dal momento che la toxoplasmosi può portare a una serie di problemi potenzialmente pericolosi per il feto, vengono da subito resi chiari alle future mamme i modi in cui si trasmette il parassita e le conseguenze negative che può portare.

Ovviamente i futuri genitori potrebbero spaventarsi a sentire queste cose, e potrebbero diventare diffidenti nei confronti dei gatti e del loro ruolo nella trasmissione del parassita; ma è importante ricordare che si trasmette solo tramite le feci del gatto, e non tramite il contatto con il gatto o con qualsiasi altra sua secrezione.

Quindi se la donna incinta non tocca le feci del gatto, non corre il rischio di infezione.

Per le famiglie che hanno un gatto che fa i bisogni fuori, il problema non si pone. Se il gatto invece usa la lettiera, le donne incinte devono assolutamente evitare il contatto con essa per l'intera durata della gravidanza – e basta!

Accarezzare o avere il gatto in casa non comporta alcun rischio per una donna in gravidanza.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 4 persone con una media di 4.6 su 5.0)

0 Commenti

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty