Storia delle razze feline: Migrazioni ed evoluzioni del gatto

Storia delle razze feline: Migrazioni ed evoluzioni del gatto

Tutti i gatti addomesticati (Felis catus) discendono dal gatto selvatico (Felis sylvestris lybica) che è nativo del Medio Oriente. Si crede che l’addomesticazione si sia sviluppata con i contadini nel periodo del Neolitico tra 9,000 e 10,000 anni fa nella Mezzaluna Fertile del Vicino Oriente.

Come gli umani hanno lasciato il loro stile di vita nomade e si stabilirono in una terra. Insieme al grano che gli agricoltori coltivavano, vennero roditori, e così si formò un rapporto simbiotico tra il gatto e l'uomo, con i gatti che proteggevano i granai contenendo le popolazioni di roditori mentre guadagnavano la protezione dai predatori più grandi come i lupi.

Nel 2000 un gruppo di ricercatori hanno raccolto campioni di DNA di oltre 900 gatti selvatici in tutto il mondo. Quello che hanno scoperto è che ci sono cinque ceppi genetici di gatti selvatici.

  • Felis silvestris silvestris (Gatto selvatico europeo) in Europa
  • Felis silvestris bieti (Gatto di montagna cinese) in Cina
  • Felis silvestris ornata (Gatto selvatico asiatico) in Asia centrale
  • Felis silvestris cafra (Gatto selvatico dell’Africa meridionale) in Africa meridionale
  • Felis silvestris lybica (Gatto selvatico africano) in Medio Oriente

I ricercatori hanno anche studiato il DNA di molti gatti domestici (compresi i purosangue) e il loro DNA è quasi identico a quello del Felis sylvestris lybica, che ci dice che nonostante ci siano cinque gruppi di gatti selvatici in tutto il mondo, tutti i gatti domestici sono originati solo da quel gruppo, il Felis sylvestris lybica.

A differenza dei cani, non c'era bisogno per l'uomo di contare su diversi tipi di gatto come con le razze di cani (cani veloci per la caccia, cani di grossa taglia per la protezione, cani che potevano recuperare la preda in acqua, i cani mandriani, ecc). Così, i gatti sono rimasti relativamente invariati nelle dimensioni rispetto dai loro antenati selvatici.

Migrazione del gatto domestico

I gatti domestici si sparsero in tutto il mondo lungo le rotte commerciali ben consolidate dei mercanti. Migrando i gatti si sono adattati al loro clima unico, ad esempio i gatti siberiani e quelli foreste norvegesi che hanno un lungo, spesso manto per proteggerli dagli inverni gelidi.

Sembra che i gatti siano arrivati in Asia circa 2.000 anni fa, dove sono rimasti isolati, lo dimostrano le loro differenze genetiche rispetto ai gatti europei e africani, noto come deriva genetica. Sembra anche che i gatti in Asia siano stati segregati mostrando più diversità genetica rispetto alle popolazioni dei gatti europei. Le razze che sono venute fuori dall'Asia sono il Siamese, Korat, e i gatti Birmani e Burmese.

Quindi da un antenato comune, si sono originate diverse varianti di gatto domestico.

Le prime mostre per gatti

La prima mostra felina si è tenuta presso la Fiera St. Giles a Winchester, Regno Unito, nel 1598, anche se ci sono pochissime informazioni su questa mostra. Non c'era alcun premio per la miglior 'razza', invece ci sono stati premi per il miglior cacciatore di ratti e per quello di topi.

Le prime razza ad essere mostrata fu il Maine Coon, che era in mostra nel 1860 alla Fiera locale di Skowhegan tenuta dai Contadini del New England.

La prima mostra felina moderna si tenne nel Crystal Palace di Londra nel luglio 1871. Harrison Weir, considerato il padre delle mostre feline, scrisse gli standard per le razze. Nel suo libro, i nostri gatti e tutto ciò che li riguarda, descrive alcuni gatti, includendo:

I gatti a pelo lungo di cui erano presenti molte varietà, inclusi:

Si dice che quaranta o cinquant’anni prima, erano chiamati tutti gatti francesi poiché erano maggiormente importati da Parigi. Nota anche che il gatto bianco a pelo lungo o corto è sempre sordo se ha gli occhi blu.

Continua descrivendo i seguenti gatti a pelo corto:

  • Gatto tartarugato
  • Gatto tartarugato e i gatti bianchi.
  • Gatto soriano (striato, maculato, ondulato e Abissino). L’Abissino è così descritto. Adesso arrivo all’ultima varietà di Soriano, e questo può difficilmente essere chiamato propriamente così, poiché è quasi privo di marcature, a parte a volte sulle zampe e una lunga e larga striscia nera sulla schiena. Di solito è marrone profondo, spuntato di nero, ricorda la schiena di un coniglio selvatico (solo che non è così grigio).
  • Gatto bianco
  • Gatto nero
  • Gatto blu
  • Gatto nero e bianco
  • Gatto bianco e nero
  • Gatto Siamese
  • Gatto dell’Isola di Man

A quanto parte uno spettatore era così spaventato dall’aspetto di un gatto Siamese che lo descrisse come un innaturale incubo di gatto.

Una seconda mostra felina si tenne presso il Crystal Palace nel mese di dicembre 1871 e il 27 gennaio 1872 Harper’s Weekly pubblicò il seguente articolo sulla mostra. Questa mostra includeva persiani, gatti selvatici ibridi, soriani, abissini, turchi e inglesi color topo.

articolo sulla mostra

Intanto negli Stati Uniti, la prima mostra felina ufficiale si tenne a Boston nel 1878. Entrarono dodici Maine Coon. Un’altra mostra tenutasi a Boston nel 1883 elenca i seguenti gatti nel suo catalogo.

  • Gatti Maine Coon
  • Gatti siberiani
  • Polidattili (i polidattili sono gatti con dita in più, cosa comune nei Maine Coon, quindi questi gatti probabilmente erano Maine Coon con dita in più).

Poi nel 1895 la prima mostra nazionale si tenne al Madison Square Garden, con un totale di 176 gatti. C'erano tre categorie, pelo lungo, pelo corto straniero (siamese, Manx e russo) e pelo corto domestico. Un Maine Coon di nome di Cosey vinse la mostra e un collare d'argento.

È da questi umili inizi che nacque la moda dei gatti, e da lì, i gatti sono passati da acchiappatopi a animali domestici coccolati e si sviluppò un interesse per le razze in via di sviluppo che nascevano dalle razze già presenti in natura, incrociando per creare nuove razze, iniziarono mutazioni spontanee e, infine, i gatti ibridi.

Da acchiappatopi a felini viziati

Non posso dare una risposta definitiva sul motivo per cui questo è avvenuto, ma posso ipotizzare che i membri del pubblico, nonché la moda dei gatti ha voluto preservare l'integrità, la bellezza e l'unicità di ogni razza. Come già notato, i gatti non sono animali da lavoro come i cani e i cavalli. Loro sono stati utilizzati sia per contenere le popolazioni di roditori, soprattutto nelle fattorie, o tenuti come animali domestici. Sono attraenti, abbastanza piccoli, puliti, affettuosi e di facile manutenzione. Un animale domestico molto attraente.

Tutte le razze di gatti puri dovrebbero seguire uno standard di razza, che è un insieme di linee guida per l’aspetto di una razza particolare. Nella maggior parte dei casi non dovrebbero esserci fecondazioni incrociate, per mantenere la razza pura, tranne se non in determinate circostanze come un pool genetico limitato, soprattutto nei primi giorni quando si stabilisce una razza. Gli allevatori devono tenere un registro rigoroso dei loro accoppiamenti e cucciolate.

Cambio del musetto in alcune razze

Mentre i gatti domestici (Moggy) sono rimasti circa gli stessi nel corso dei millenni, alcune razze sono cambiate per soddisfare l'evoluzione degli standard di razza. I gatti siamesi e i persiani sono gli esempi più evidenti. Anche i gatti siamesi sono cambiati drasticamente diventando molto più lunghi e snelli nel corpo e nel viso. Altre razze naturali rimangono quasi identiche a come apparivano quando sono stati mostrati per la prima volta.

Razze naturali

Alcune delle razze che abbiamo oggi sono nate in modo naturale, queste includono Maine Coon, Siberiano, Russo, Persiano, Turco Angora, Turco Van, Abissino, British Shorthair, birmano, gatto di Man, Mau egiziano. Abbiamo già discusso delle razze asiatiche, tra cui siamese, Korat, Birmano Burmese. In alcuni casi, se i numeri di razza erano bassi, come ad esempio per il British Shorthair dopo la prima e la seconda guerra mondiale, altre razze sono state usate come 'incroci' per aiutare a mantenere la razza.

Incroci

Altre razze sono state create con l'accoppiamento di due o più razze pure per formare una nuova razza di gatto. Il Mist australiano è una creazione di Truda Straede che voleva un gatto australiano con le caratteristiche di un Birmano e un Abissino. La razza è stata creata con l'accoppiamento di Birmano, Abissino e gatti domestici a pelo corto. Uno se non il più vecchio incrocio noto, è il chinchilla, che è nato dall'accoppiamento di un persiano blu con un gatto randagio di origine sconosciuta. La risultante cucciolata ha prodotto un gattino color fumo. Altri incroci includono Ocicat, Esotico, Himalayano, Balinese, Bambino, Bombay, Burmilla, Peterbald, Ragdoll, Singapura, Snowshoe e Toyger.

Mutazioni

Le mutazioni possono sorgere in modo casuale, in alcuni casi possono essere abbastanza gravi da non essere compatibili con la vita, o comprometterne gravemente la qualità nei gatti colpiti, tuttavia altre mutazioni spontanee sono puramente cosmetiche e hanno poco o nessun effetto fisico sul gatto. Di solito, quando una mutazione avviene e si stabilisce una razza, è necessario l’out-cross per aumentare il patrimonio genetico. Esempi di razze nate da una mutazione spontanea includono Devon Rex, Donskoy, Cornish Rex, Sphynx, Munchkin, Scottish Fold , American Curl, American Wirehair, LaPerm.

C'è una certa polemica sullo Scottish Fold che ha dimostrato di soffrire a causa della mutazione che colpisce la cartilagine delle orecchie così come le articolazioni e le ossa degli arti posteriori. Questo può portare a una paralizzante artrite precoce in questi gatti. L'allevamento di questi gatti è stato vietato in alcuni Paesi e Stati.

Ibridi

Abbiamo già visto che i gatti ibridi non sono un’invenzione moderna. I gatti ibridi selvatici erano presenti alla mostra del Crystal Palace nel 1871.

I Bengala sono stati il primo ibrido moderno e di gran lunga il più noto. La razza è stata sviluppata da Jean Sudgen dell'Arizona. Jean aveva acquistato una femmina di gatto leopardo asiatico e credendo che si sentisse sola, mise un gatto domestico nero con lei. Nacquero due gattini, ma solo uno è sopravvissuto. Purtroppo Jean interruppe questo progetto a causa della morte del marito, ma lo ricominciò nel 1982. Un gatto selvatico dello zoo di Bombay con macchie distintive fu importato da Jean che lo accoppiò con alcune femmine ibride allevate dal genetista dott. Willard Centerwall, che lo accoppiò con felini dall'India (ora chiamata Millwood Tory di Delhi). Altri gatti domestici come abissino, Ocicat, Mau egiziano, Bombay e British Shorthair sono stati utilizzati per lo sviluppo di questa razza.

Il Savannah è nato dall’accoppiamento di un gatto domestico e un servalo africano. A differenza del Bengala, diventato popolare e ora comune alle mostre, il Savannah è ancora piuttosto raro.

Un altro ibrido è il Chausie, un incrocio tra un gatto della giungla e un gatto domestico. C'è una storia simili accoppiamenti in passato, ma la razza è stata sviluppata nel 1990 ed ha ricevuto lo status di Campionato con TICA nel 2013. Non c'è una grande quantità d’informazioni su questa razza adesso né ho accesso a foto, ma hanno uno splendido manto spuntato, che mi ricorda il bellissimo Abissino.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 3 persone con una media di 5.0 su 5.0)

0 Commenti

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty