La storia del gatto Ragdoll: realtà e finzione

La storia del gatto Ragdoll: realtà e finzione

Il Ragdoll è una bellissima e popolare razza di gatto. Piace molto, sia come animale domestico sia per le mostre. Ma la storia delle sue origini contiene tante controversie, e molte affermazioni selvatiche e non confermate, che per lungo tempo la razza non era accettata, che non sembrava come doveva. Ma cosa sono queste affermazioni folli? Cos’è realtà e cosa finzione, nell’affascinante storia del Ragdoll?

Mitologia del Ragdoll

Tutti i Ragdoll discendono da Josephine, un gatto bianco a pelo lungo senza pedigree che correva libera nel quartiere di Riverside, in California, nel 1960. Questo è vero. Tuttavia, secondo Ann Baker, l'allevatrice di Persiani che originariamente ha sviluppato la razza Ragdoll, Josephine è stata ferita in un incidente stradale. Dopo questo, sostenne Ann Baker, ha iniziato a produrre gattini che erano coccolosi, placidi, e passivi. Diventavano molto grandi, e avevano una pelliccia che magicamente non si scompigliava. Avevano anche una soglia del dolore insolitamente alta, e non sentivano dolore come altri gatti. E si afflosciavano come bambole di pezza quando venivano presi, da cui il nome della razza. Questi tratti sono stati causati dall’incidente di Josephine, affermava Ann Baker, ma poteva essere trasmesso alle future generazioni di Ragdoll, come chiamava questi nuovi gatti.

Ci sono state tante altre storie, ancora più stravaganti. Uno ha sostenuto che i gatti sono stati il risultato di un lavoro di mutazione segreta svolto dal governo, e conteneva DNA di puzzola o alieno, a seconda di quando si sentiva la storia.

Qualcuna di queste cose è vera? In sostanza, no, perché è geneticamente impossibile, a parte ogni altra cosa. Ann Baker, ovviamente, sapeva molto poco di genetica del gatto, perché sarebbe impossibile che l'incidente di Josephine (se ne ha avuto ) influenzi le future generazioni di gattini; semplicemente non è così che funziona la genetica. E la storia del DNA di puzzola o alieno è ancora più ridicola. Sembra che Ann Baker abbia inventato queste cose a braccio. Le storie selvatiche le hanno certamente fatto pubblicità, e forse ha portato una fama precoce per il Ragdoll. Forse quello era il suo scopo. Ma in realtà erano così incredibili che hanno portato più notorietà e non vera fama, tanto screditando quanto promuovendo una nuova razza.

Per quanto riguarda le altre affermazioni di Ann Baker riguardanti i tratti Ragdoll, c'è qualcosa di vero in alcuni di essi, ma non tutti. Sono certamente grandi gatti, ma non così tanto; il Maine Coon e altre razze sono molto più grandi. Alla loro pelliccia manca il fitto sottopelo del Persiano, ma i Ragdoll hanno comunque bisogno di qualche cura. I gatti tendono a essere relativamente rilassati, e tendono a rilassarsi quando vengono raccolti, ma non sempre, e sono ancora veri gatti e di certo non si afflosciano come bambole di pezza. E l’affermazione più irresponsabile (che i gatti non sentivano dolore) è assolutamente falso!

Altre affermazioni di Ann Baker

Le affermazioni di Ann Baker non si fermano all'origine del Ragdoll. Un altro dei suoi sviluppi è stata una razza che chiamava Honey Bears (Orsacchiotti mielosi), ma registrati come Persiani all’Associazione di Appassionati di Gatti (CFA). Tuttavia, disse che non avevano lo scheletro di gatto, e alla fine del 1970, disse che erano stati geneticamente modificati ed erano in parte puzzole! La risposta dell’Ufficio Registri del CFA fu di rivedere tutte le sue registrazioni passate, e decisero di non accettare più registrazioni da lei. Queste affermazioni non hanno fatto assolutamente nulla per aumentare la sua credibilità, naturalmente.

La verità sulle origini del Ragdoll

Quello che è realmente accaduto è stato che nel 1960 Ann Baker ha iniziato a selezionare i cuccioli di Josephine. Questi cuccioli erano figli di un certo numero di maschi senza pedigree, per lo più sconosciuti, ma alcuni erano di tipo Birmano e Burmese. Josephine è stata poi accoppiata con due dei suoi figli. Tra i frutti di questi accoppiamenti c’erano due femmine, e tutti i successivi Ragdoll discendono da questi due maschi e due femmine. Ann Baker ha iniziato la registrazione del Ragdoll nel 1965, e ha iniziato a venderli entro la fine del decennio. Ha iniziato a lavorare con altri allevatori, ma ha insistito per mantenere il controllo su tutte le decisioni di allevamento. Nel 1971 ha fondato il proprio registro, l’Associazione Internazionale del Gatto Ragdoll (IRCA).

Gli allevatori che si opponevano alle sue restrizioni hanno presto aperto un'altra associazione, il Club Internazionale degli Appassionati di Ragdoll (RFCI). Entro il 1975 gli allevatori si erano divisi in due campi. Ma più tardi, anche alcuni di quegli allevatori stavano con l'associazione di Ann Baker hanno cominciato a opporsi alle sue stravaganze, e nel 1990 si staccò un altro gruppo, che scelse il nome Ragamuffin per la loro razza separatista. Anche se Ann Baker morì nel 1997, la razza separatista, che è molto simile al Ragdoll, ma è disponibile in più colori, è ancora conosciuta come Ragamuffin ed è accettata e mostrata come razza a parte.

Storia recente del Ragdoll

In parte a causa delle affermazioni ridicole di Ann Baker, per lungo tempo è rimasto il CFA si è opposto con fermezza ai Ragdoll come razza. Tuttavia, entro la fine del 1970 è stato stabilito all'interno dell’appena nata TICA (Associazione Internazionale del Gatto). Nel 1980 alcuni gatti dell’RFCI furono inviati in Europa; Ann Baker non esportava i suoi gatti IRCA. Nel 1990, i gatti Ragdoll sono stati riconosciuti in Italia. Ora sono accettati da tutti i principali registri, e sono tra le prime dieci razze più popolari su entrambe le sponde dell'Atlantico.

Ann Baker potrebbe essere stata confusa circa la genetica, potrebbe aver sconvolto molte persone, e potrebbe anche essere stata un po' matta. Ma lei ha di fatto individuato un vuoto nel mercato. I suoi teneri gatti simili a cani anticipavano la tendenza per gatti adorabili e coccolosi che amano rannicchiarsi sulle gambe, invece di acchiappatopi indipendenti che la gente aveva cercato in tempi precedenti. Dal 1980, le aspettative dei proprietari di gatti son cambiate in molti modi; molte persone tengono i loro gatti in casa, li trattano come parte della famiglia, e si riferiscono a loro come ai loro “bambini pelosi”. Lo sviluppo dei placidi Ragdoll ha avuto molto a che fare con questa continua tendenza.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 3 persone con una media di 4.5 su 5.0)

0 Commenti

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty