L’obesità nei Gatti e come mettere un gatto a dieta | Blog gatti | Petyoo

L’obesità nei Gatti e come mettere un gatto a dieta

Indice dei contenuti:

Hai mai pensato a cosa fare riguardo l'obesità del tuo gatto? In realtà i gatti obesi o in sovrappeso sono più numerosi rispetto a quelli con un peso forma e sono sempre più visitati dai veterinari per vari disturbi. Infatti, l'obesità nei gatti li rende propensi al diabete, alla lipidosi epatica e all'artrite.

Comunque, mettere un gatto a dieta o inserirlo in un programma per perdere peso sono metodi che devono essere affrontati con molta cautela. Qui cercheremo di aiutarvi e assistervi con il vostro gatto in sovrappeso in modo che il vostro micio non abbia problemi di obesità.

Nel 2011 uno studio rivelò che più del 50% dei gatti erano obesi o sovrappeso. Quindi cos'è che rende i nostri felini propensi ad una obesità sedentaria?

La risposta è che può derivare da diversi fattori ma semplificando, ricordate questo: ogni tipo di mammifero (cani, gatti, cavalli, umani, eccetera) prenderà peso se consuma più calorie di quelle che brucia come carburante di energie; è semplice ma vero.

In natura l'acquisizione di cibo non è mai stata una cosa certa per nessuna creatura, nemmeno i cani, i felini o gli umani. Quindi l'acquisizione di cibo è sempre stata accompagnata dallo sforzo fisico per assumere e consumare cibo.

Solo in tempi recenti il consumare un eccesso di cibo, l'assumerlo facilmente e il consumarlo con poco sforzo fisico sono diventati una realtà quotidiana. Noi umani abbiamo compreso come non dover fare tutto il lavoro di semina e raccolta di cibo, costruendo supermercati.

Attraverso le competenze agrarie abbiamo imparato come far crescere il cibo, come aumentare il bestiame e come ottenere risorse di cibo velocemente e in abbondanza... anche solo nel caso fossimo affamati! Abbiamo imparato come congelare, asciugare e preservare e conservare cibo in grandi quantità che ci assicurano che non dovremo sopportare lunghe e infruttuose incursioni di caccia né rischiare carestie.

Inoltre abbiamo creato delle garanzie di acquisizione per i nostri cani e gatti domestici. Come noi, non devono più cacciare per sopravvivere. Inoltre, noi non dobbiamo nemmeno più vivere all'esterno.

È interessante che i nostri animali domestici abbiamo rispecchiato le nostre stesse tendenze nell'avere problemi nel controllare il peso corporeo. Anche se la differenza maggiore è che noi umani abbiamo completo controllo su quello che i nostri animali mangiano e su quanto mangiano. A meno che i vostri gatti non spiino nel frigo e preparino un panino con prosciutto e formaggio di notte quando nessuno è in giro, l'unico modo in cui possono mangiare è quando TU metti il cibo di fronte a loro.

Ogni veterinario ha ripetutamente sentito il padrone di un gatto (o cane) gravemente malato affermare “So che il mio gatto è in sovrappeso, dottore, ma non è per il cibo! Lui mangia raramente”.

Beh, quindi l'animale è sovrappeso a causa delle calorie presenti nell'aria? Forse è l'acqua... o a causa dello stare sul quel divano tutto il tempo. Questo è quanto! Il divano rende il gatto grasso, non il cibo.

Seriamente, ormai troppi padroni di animali domestici credono veramente che l'assunzione di cibo non ha niente a che fare col peso del loro animaletto e mai abbastanza consulenze li convinceranno del contrario. Se questa è la tua descrizione, non leggere ulteriormente perché il resto di quest'articolo parla di come nutrire in modo appropriato e nella giusta quantità il tuo gatto in modo che perda peso in modo sicuro oppure in modo che mantenga un peso ottimo. Non ci sarà niente in quest'articolo riguardo l'effetto di un'alta quantità di calorie nell'aria, nell'acqua o nell'arredamento nel problema di obesità del tuo gatto.

Ogni gatto in sovrappeso dovrebbe effettuare un esame fisico, misurare il peso in modo specifico e fare esami sanguigni e di urine. È fondamentale che siano presenti livelli di ormoni tiroidei e che il gatto non abbia alcuna disfunzione metabolica.

Se il gatto ha un fisico nella norma – escludendo il peso anormale dovuto alla deposizione del grasso – allora potrà esserci un programma graduale e attento di perdita peso.

Per prima cosa, diamo un'occhiata alla causa dell'obesità e come possiamo correggere i NOSTRI errori.

Libera scelta di alimentazione

La causa principale dell'obesità felina (così come l'obesità in tutti gli altri mammiferi) è il consumo di una quantità esagerata di cibo. Nega quello che vuoi ma è questa la verità.

Quello che facciamo...

Molti gatti sono nutriti con “libera scelta”, che significa che sempre cibo disponibile e quindi il gatto mangia qualsiasi cosa voglia. (abbastanza innaturale per un carnivoro che si è evoluto come una macchina da caccia!) La libera alimentazione è stata probabilmente il singolo fattore che ha più contribuito all'obesità felina.

Quello che dovremmo fare...

Nutrirlo con due, tre o quattro piccole porzioni giornaliere e controllare la quantità di cibo in modo che per un periodo di tempo il gatto non prenda peso. Molti padroni di animali nutrono i propri gatti con quella che considerano una “normale” porzione. Un pasto per un umano di 75kg dovrebbe pesare tra 450 e 700 grammi. Un gatto di 3kg pesa circa un venticinquesimo di un umano di 79 kg.

Quindi il pasto di un gatto dovrebbe essere proporzionato a un venticinquesimo di quello di un umano. Un pasto per un gatto di 3kg dovrà pesare tra i 17gr e 28gr.... circa lo stesso peso di un topo. I proprietari di gatti dovrebbero smetterla di considerare l'unità di misura “ciotole di cibo” e dovrebbero iniziare a pensare in grammi.

CARBOIDRATI

I gatti, diversamente dalla maggior parte dei mammiferi, non hanno enzimi per la digestione dei carboidrati (chiamati amilasi) nella loro saliva. Gli umani e i cani li hanno e in realtà iniziano la digestione dei carboidrati nella bocca. Nell'intestino, l'amilasi nascosta dal pancreas abbatte una grande mole di molecole di carboidrati trasformandole in piccola unità assorbibili di glucosio.

I gatti hanno un'attività più bassa di amilasi rispetto agli umani o ai cani. Evidentemente Madre Natura non voleva che i gatti fossero dei consumatori di carboidrati.

Quello che facciamo....

Noi acquistiamo cibo impacchettato, conveniente e ben custodito per i nostri animali principalmente perché dobbiamo solo versarlo nella ciotola e basta. Il cibo conservato per animali domestici deve avere un livello più alto di farina e zuccheri rispetto ai barattoli in modo che le crocchette rimangano uniformi e non si sbriciolino. Il cibo è conservato, e non si muffa, quindi non dobbiamo preparare cibo per gatti molto spesso. Sfortunatamente, soprattutto con le diete basate sui cibi in scatola, a causa della biochimica metabolica, la quale trasforma tutto ciò che contiene un'alta quantità di carboidrati in cibo pre-inscatolato per gatti, il gatto rischia di ingrassare.

Quello che dovremmo fare...

Nutrirlo con una dieta coerente a quella della natura di un vero carnivoro...una dieta basata sulla carne. La dieta ideale per un felino deve avere un livello di proteine dal 35% al 45% su una sostanza secca (si intende la percentuale di dieta quando l'acqua è stata rimossa) e un moderato contenuto di grassi con una bassa percentuale di carboidrati (chicchi).

Molte ricerche hanno provato che le diete con alte percentuali di proteine e grasso sono benefiche per i carnivori. I gatti non possono gestire grandi quantità di carboidrati in modo efficiente.

Dopo un pasto ricco di carboidrati il livello di glucosio del sangue del felino tende a essere oltre la norma per un lungo lasso di tempo. Diventano persistentemente ipoglicemici questo lungo lasso di tempo crea uno stimolo sulle cellule beta nel pancreas le cellule che producono l'insulina e rendono quelle cellule meno sensibili al glucosio nel sangue. Il risultato sarà che meno insulina verrà procurata per portare giù il livello di zucchero nel sangue. I nutrizionisti lo chiamano “sottoregolazione” delle cellule beta; l'intensività dell'insulina nelle cellule beta porta a quella che è chiamata “insulino-resistenza”. Questo scenario prelude al diabete.

PROTEINE

Sappiamo tutti quanto i gatti amino mangiare topi e uccellini. Una risorsa di cibo naturale per i carnivori? Perfetti nella dieta di un gatto! Sapevi che un topo o un uccello sono composti solo dall’8% di carboidrati? E la maggior parte dei carboidrati vengono da ciò che la preda stava mangiando e da quello che era nel suo tratto digestivo. Il resto viene dall'acqua, da qualche minerale e da proteine e grasso.

Quello che facciamo...

Spesso acquistiamo cibi inscatolati per i nostri gatti, alcuni contengono coloranti alimentari per fare sembrare carne il loro contenuto, e contengono anche farina, zucchero e conservanti. In parte compriamo questi cibi preconfezionati perché i produttori affermano che questi cibi siamo COMPLETI ed EQUILIBRATI per i gatti, e in parte anche perché è conveniente per noi dover soltanto versare il cibo nella ciotola in modo che il nostro gatto possa mangiare quando vuole. Sfortunatamente, la maggior parte delle marche di cibi in scatola forniscono poche proteine nei loro prodotti, specialmente marche meno costose che propongono chicchi di mais come ingrediente principale.

Un altro problema è il mito secondo il quale noi nutriamo spesso i nostri gatti (e cani) con troppe proteine.

Questo mito indifendibile, il quale afferma che le proteine causano problemi ai reni, è totalmente infondato e ha causato la sofferenza di molti cani e gatti a causa di una dieta povera di proteine. Guarda qui per vedere le ragioni per le quali questo mito non è altro che questo... un mito senza affermazioni scientifiche.

Approfondimento: Il gatto anziano e le proteine – Il giusto equilibrio

Quello che dovremmo fare...

Noi dovremmo nutrire i nostri gatti con un'alta percentuale di proteine e una bassa percentuale di carboidrati se ci aspettiamo che loro mantengano un ottimo peso corporeo e che abbiano un nutrimento appropriato.

La proteina è LA chiave del nutrimento in una dieta carnivora. Su base anidra... dove la percentuale degli ingredienti è determinata senza acqua nella razione... la dieta di un felino dovrebbe contenere dal 35 al 45 % di proteine, 40% di grasso, e possibilmente solo una piccola percentuale di carboidrati. (ricorda.. un vero carnivoro non necessita di carboidrati nella sua dieta). Alcuni nutrizionisti suggeriscono un 25 % di carboidrati, un 50% di proteine e un 25% di grasso.

Croccantini per gatti

Pensiamo sempre di dover premiare i nostri gatti con il cibo – e questo è il motivo della popolarità dei croccantini per gatti. Quasi ogni padrone di gatti ne fa uso, ogni volta che un gatto vocalizza o miagola incessantemente o sembri di aver “bisogno di qualcosa” . Questo è un comportamento normale per un gatto e non ha nulla a che vedere con la fame! Ma noi crediamo che il gatto sia affamato e quindi gli diamo uno snack. E la maggior parte dei croccantini sono così saporiti da essere irresistibili per i gatti, altrimenti questi prodotti no venderebbero e non ci sarebbe alcun profitto per il produttore.

Quindi se darai al tuo gatto un premio per star vocalizzando, lo avrai semplicemente ricompensato per aver vocalizzato, insegnandogli quindi che sia giusta vocalizzare ancora di più. Se DEVI dare al tuo gatto un piccolo premio, leggi qui sotto come farlo in modo logico e nutritivo.

Quello che facciamo...

Come umani sensibili e a cui importa del proprio gatto, abbiamo sempre voluto ricompensare il nostro micio dandogli dei premi speciali in più. La maggior parte dei premi per i gatti hanno un alto livello di carboidrati (farina e zuccheri) e molti aromi esaltanti per invogliare il gatto a mangiarli anche quando non ha fame.

I gatti che ci infastidiscono con le vocalizzazioni e che fingono di star morendo di fame a volte sono ricompensati per quella fastidiosa vocalizzazione ricevendo un premio “per tenerli tranquilli”. Quando noi offriamo il premio stiamo semplicemente spronando il nostro gatto alla vocalizzazione. Ricompensare il gatto per aver fatto quel fracasso, lo istruisce essenzialmente a fare ancora più casino!

Quello che dovremmo fare...

Smettere di nutrire il nostro gatto in sovrappeso con i piccoli premi. SE pensi che il tuo gatto ABBIA BISOGNO di un premio, taglia un piccolo pezzetto di pollo (cotto) o di pesce e nutrilo con un snack di proteine naturali...non con uno fatto da grano, colorante alimentare, glicole propilenico, e esaltatori di sapori. E MAI dare da mangiare uno snack come segno per farlo smettere di vocalizzare perché risulterà l'effetto contrario e in realtà rinforzerà il gatto a vocalizzare e a comportarsi da mendicante.

Raccomandazioni sulle etichette

Tutto il cibo per animali arriva con delle istruzioni di nutrizione raccomandabili. Il problema è che queste raccomandazioni NON sono requisiti necessari, anche se la maggior parte dei padroni di animali domestici pensano di dover nutrire il loro cucciolo con quella quantità raccomandata di cibo. La maggior parte dei gatti (e dei cani), se nutriti con la quantità di cibo stabilita nella raccomandazione dell'etichetta, alla fine diventerà sovrappeso.

Fai attenzione al peso del tuo animale domestico (la taglia), e anche da semplici osservazioni decidi se è in sovrappeso. Se è così, non dargli troppo da mangiare.

Cosa facciamo...

Nutrire il nostro gatto con una porzione giornaliera “raccomandata”, indicata sulle etichette del cibo per animali, risulterà quasi sempre un nutrimento con più calorie di quelle di cui l'animale ha veramente bisogno per l'energia di un giorno normale. L'eccesso di carboidrati, non necessari come carburante per il metabolismo o l'attività fisica, viene convertito in grasso e conservato nelle riserve di grasso del gatto.

Sono molto alte le probabilità che il tuo gatto finisca in sovrappeso se lo nutri con la quantità di cibo consigliata sulle etichette del cibo per animali.

Cosa dovremmo fare...

Regolare la quantità di cibo secondo le caratteristiche del suo corpo e sull'attività fisica che svolge. Se il gatto sembra e si sente sovrappeso, be è così! Gli stai dando troppo cibo rispetto alla quantità che necessita per avere le energie per l'esercizio e l'attività fisica, e indipendentemente dalla quantità di cibo che l'etichetta del cibo per animali suggerisce, tu devi nutrirlo di meno affinché abbia un normale (sano) perso corporeo.

Esercizio fisico

Quello che facciamo…

In genere ci basta riempire le ciotole con cibo e acqua, pulire la lettiera e dire “ci vediamo dopo micio, ho finito il lavoro”. OK... diciamo che così non stai aiutando. Non stai cambiando la quantità di cibo, né il tipo ne porzioni con cui lo hai sempre nutrito. Se vuoi avere successo nella perdita di peso del tuo gatto allora dovrai aumentare il consumo di calorie, con l’esercizio e l’attività fisica.

Ciò è molto più semplice da svolgere con un cane, portandolo a spasso o facendo una corsa, lanciando una palla, nuotando, eccetera. Buona fortuna nell’ andare a fare una corsa con il tuo gatto! La maggior parte dei gatti spende il proprio tempo dormendo sul divano, e sono lasciati lì per molto tempo e non c'è davvero niente in casa che potrebbe intrigare il loro interesse da cacciatori carnivori. Non c'è niente da inseguire, niente da cui nascondersi, niente da cui correre. Non c'è nient'altro da fare che un pisolino.

Quello che dovremmo fare...

Aiutare nel miglioramento dell'esercizio fisico del gatto, magari aggiungendo alcuni giocattoli interattivi nell'ambiente del gatto. Prendi in considerazione l'adozione di un altro gatto amichevole e giocoso dal rifugio locale così che il tuo gatto solitario abbia qualcuno con cui interagire e giocare. Molte persone credono che due gatti siano più divertenti da avere e più coinvolgenti e che non diano più problemi che con un solo gatto. Puoi anche comprare dei giochi che simulino una preda in fuga: Il tuo gatto ne resterà estasiato. I gatti sono in grado di esercitarsi, ma tu dovrai avere dei giochi fantasiosi e delle idee, per poter stimolare il tuo gatto.

Con cosa nutrire un gatto

I gatti, diversamente dagli umani, ottengono meno soddisfazione dal cibo con carboidrati rispetto a quello con proteine. Dà loro un topo, dato che i roditori contengono un'alta quantità di proteine, e ne saranno felicissimi. Un topo potrebbe essere un ottimo pasto per un gatto con una taglia nella norma. I topi tipicamente sono fatti dal 20% di proteine, il 9% di grasso e molta umidità.

E ora che sai che il gatto è un vero carnivoro, che il suo metabolismo è stato creato dal processo d'evoluzione naturale per utilizzare efficientemente le proteine della carne come maggiore componente della dieta, capisci perché una dieta ricca di carboidrati semplicemente non ha niente a che fare con i felini. I gatti non sono erbivori che si nutrono di vegetali; loro sono predatori di altri animali e per aggiungere un sano stato corporeo devono ai loro bisogni naturali. Non esistono diete vegetariane per gatti.

Non importa quale siano le tue preferenze personali, per quanto riguarda la carne, dalle leggi della natura sappiamo che il gatto ha bisogno di carne nella sua dieta. Questo forte bisogno di carne da parte del gatto è dovuto alla sua necessità di assumere la vitamina B12 (cianocobalamina) che viene creata da altri mammiferi non felini.

Come padrone del gatto, hai completo controllo su quello che il tuo gatto mangia, quanto mangia e quanto spesso mangia. Non ti preoccupare riguardo i denti e le gengive. I croccantini di qualità hanno sulle etichette livelli di proteine sopra il 30% e per quanto riguarda i grassi, percentuali superiori al 18%. Di solito queste marche hanno etichette scrivono “cresciuto”, o “cucciolo” o “micio” in base alla stazza dell’animale...e queste formulazioni possono essere offerte per una dieta salutare che non richiede una specifica terapia dietetica.

Se hai ancora paura del falso mito sulle “troppe proteine” che fanno “male” ai cani e ai gatti, o che le proteine “causano” danni ai reni, devi informarti meglio. Ci sono numerose ricerche che ti tranquillizzeranno e ti aggiorneranno sulle corrette ricerche. Il mito delle proteine è stato estrapolato da una ricerca fatta sui roditori alcune decine di anni fa; il mito si è poi sviluppato nonostante fosse stato smentito da diverse ricerche su cani e gatti.

Approfondimenti:

Diete per la perdita di peso

Per fare in modo che un gatto obeso perda peso, serve agire gradualmente. Non sono permesse diete veloci! I gatti hanno una sola reazione alla velocizzazione delle diete e ogni volta che un felino assume cibo rapidamente si deprime e potrebbe contrarre un disturbo serio e potenzialmente fatale, chiamato “lipidosi epatica”.

Uno dei motivi del successo in una dieta per felini con un'alta percentuale di proteine è un importante amminoacido chiamato Carnitina. La Carnitina è presente in grandi quantità nel tessuto dei muscoli, ma si trova anche in minuscole quantità di verdure. Questo amminoacido gioca un ruolo essenziale nell'assorbimento delle riserve di grasso conservato e anche nella conversione del grasso in glucosio. L'abilità di trasformare il tessuto grasso in glucosio per l'energia (e per la successiva realizzazione di perdita di peso) richiede Carnitina nel processo. L'integrare la dieta di un gatto con la Carnitina L in una quantità che va approssimativamente dai 250 ai 500mg per gatto al giorno, aiuterà nel trasformare il grasso in glucosio e migliorerà la salute del gatto che a dieta.

Come mettere un gatto a dieta

Per prima cosa, il tuo veterinario ha bisogno di fare un completo esame fisico, con un esame sanguigno che includa una valutazione dell'ormone della tiroide, e deve anche accuratamente registrare il peso del gatto. Poi dovresti mettere gradualmente il tuo a gatto a dieta secondo il suo programma di perdita peso...che deve durare dalle tre alle quattro settimane...alla fine dovrai unire la nuova dieta con quella vecchia, diminuendo sempre di più la percentuale della vecchia dieta e aggiungendo sempre di più quella nuova.

Presta molta attenzione a quanto il gatto mangia ogni giorno. Quando il gatto si adatta alla nuova dieta, con un'alta percentuale di proteine, ripesa il gatto a intervalli di quattro settimane. Se non ci sono per niente perdite di peso, o addirittura se è presente un aumento di peso, vuol dire che la quantità di cibo che gli è permesso mangiare è ancora troppa.

ossibile che tu stia valutando le porzioni in dimensioni da umani. Ricorda il Topo. Ogni tre o quattro settimane ripesa il tuo gatto sulla stessa bilancia in modo che tu possa vedere i cambiamenti di peso in modo preciso. Un gatto di 6kg non dovrebbe perdere più di 225 grammi in quattro settimane (ricorda il problema della lipidosi epatica!)

Sii sempre attento e riferisci al tuo veterinario di ogni volta che il gatto smette di mangiare per due o più giorni. (questo è uno dei problemi delicati del metodo di nutrimento a “scelta libera”. Spesso non notiamo che la ciotola del gatto è ancora piena finché il gatto non entra in una fase rapida. Quando i gatti sono malati il primo segno clinico è spesso la perdita di appetito; quindi un protocollo di nutrimento non interattivo, a scelta libera ci fornisce meno informazioni rispetto a un metodo di nutrimento con porzioni controllate.) Ogni gatto che non abbia mangiato per tre giorni o più potrebbe avere dei problemi di salute! 7 giorni di nutrimento rapido potrebbero in realtà avere un impatto sul sistema immunitario del gatto.

Una volta che hai stabilito un piano di nutrimento che include una graduale perdita di peso per un periodo che sia di oltre un mese, il gatto raggiungerà un punto di equilibrio per quanto riguarda il suo peso corporeo. Con questo peso ottimale il gatto non risulterà “troppo grasso” o “troppo magro”. Saresti sorpreso da quanto il gatto sarà più attivo e in allerta una volta raggiunto questo peso forma. Avrai evitato con successo la probabilità di diabete, artrite, e lipidosi epatica. Il tuo gatto vivrà probabilmente qualche anno in più e avrà una qualità della vita molto migliore, e questo renderà felice anche te!

Per fare in modo che il gatto perda peso, fai le seguenti cose dopo aver consultato il tuo veterinario:

  1. Fai un completo esame fisico, test in laboratorio, e una specifica registrazione del peso attuale. Assicurati di escludere l'ipotiroidismo o altri disturbi metabolici.

  2. Nutri il tuo gatto con meno cibo di quanto tu abbia fatto fino ad ora.

  3. Nutri il tuo gatto con un'alta percentuale di proteine e grassi e una bassa percentuale di carboidrati.

  4. Nutri il gatto con piccole porzioni di cibo a intervalli regolari (da 2 a 4 al giorno) piuttosto che con il libero accesso o la libera scelta.

  5. Aumenta l'attività/esercizi del gatto arricchendo l'ambiente

  6. Pesa il gatto a intervalli di tre o quattro settimane per valutare i progressi di perdita di peso

  7. Riconsidera la quantità quotidiana di cibo se noti un aumento di peso o nessuna perdita.

  8. Una volta che il gatto ha un peso ideale, regola la quantità di nutrimento in modo che il peso del gatto rimanga stabile.

NOTE: riguardo l'allevamento dei mici

I nutrizionisti veterinari consigliano di offrire ai gatti molto giovani una grande varietà tipi di cibi e consistenze. I gatti sono creature devote all'ambiente in cui vivono e se il micio viene cresciuto solo con una dieta di cibo secco come le crocchette, le probabilità che il gatto rifiuti ogni tipo di cibo differente dalle crocchette in futuro sono alte (potrebbe anche non sapere cosa fare con un topo appena catturato!) le preferenze di cibo possono anche essere stabilite sul cibo in scatola.

Poiché i mici attraversano la fase di sviluppo, assicurati di fornire un'ampia varietà di tipi di cibi e sapori, in modo che più avanti, se sarà necessaria una perdita di peso, sarà possibile selezionare altri tipi di cibi, il che sarà fondamentale per il bene del gatto.

Ricorda, alta qualità, pasti basati sulla carne, controllo sulla quantità di cibo fornito, bisogna poi provvedere a più esercizio fisico, ed essere persistente. Aiuta il tuo animale a vivere una vita più lunga e piacevole.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 2 persone con una media di 5.0 su 5.0)

0 Commenti

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty