10 domande sui denti dei cani | Salute del Cane | Petyoo

10 domande sui denti dei cani

I cani: che creature straordinarie! Dalla punta del loro freddo nasino fino all’estremità della loro inarrestabile coda, la loro anatomia è tanto bella e graziosa quanto singolare e affascinante. La loro bocca, i loro denti e la conformazione del loro cranio, tutto sembra disegnata su misura per la loro natura da spazzini irrefrenabili. C’è anche da dire che purtroppo la cavità orale del nostro peloso è anche soggetta a diversi miti e miscredenze che possono condurre a diversi problemi gravi. Ma non temete, adesso risponderemo alle 10 domande più frequenti, interessanti e fondamentali che vengono poste!

1. Quanti denti hanno i cani?

Ebbene un cane adulto ha quasi un terzo in più dei denti degli umani, infatti mentre noi abbiamo solo 32 denti (senza contare quelli del giudizio. Sono solo dei “bonus”), i cani adulti ne hanno 42. Mentre i cuccioli ne hanno 28 da latte, ben otto in più rispetto ad un bambino che ne ha solo 20.

2. Quando iniziano a cadere i loro “denti da latte”?

I cuccioli sono più precoci rispetto ai bambini, infatti i primi dentini inizieranno a cadere tra la 12° e la 16° settimana d’età circa. Intono ai quattro mesi il cucciolo avrà già perso tutti i denti da latte e molti denti da adulto saranno già cresciti.

3. Si può capire l’età di un cane osservandogli i denti?

Dipende. Se il cane è giovane si può calcolare l’età in base a quali denti sono presenti. Per esempio gli incisivi da latte, in genere, spuntano tra le 4 e le 6 settimane d’età mentre quelli da adulto tra le 12 e le 16. I primi canini, o le cosiddette “zanne”, tra le 3 e le 5 settimane, mentre quelli permanenti tra le 12 e le 16. I molari invece spuntano dai 4 ai 6 mesi. Quindi, una volta raggiunti i 6 mesi, il cane dovrebbe già avere tutti i denti da adulto.

4. Se un dente cade può ricrescere?

Ecco un mito molto diffuso che molti proprietari si domandano. Diversamente da alcuni animali, come lo squalo, una volta che un cane ha perso un dente o se si è rotto è impossibile che ricresca. Se un dente cade, è andato, proprio come a noi umani. Ecco perché è importante prendersi cura dei loro denti: devono durargli tutta la vita. Al contrario uno squalo non avrà bisogno di spazzolarsi i denti. Almeno non da noi!

5. Possono avere le carie?

Grazie alla loro alimentazione a basso contenuto di zuccheri, alla conformazione dei loro denti e batteri presenti nella loro bocca, è piuttosto rara la formazione di carie, ma è possibile. nei casi più gravi cui la radice del dente viene esposta è necessario intervenire con procedure endodontologiche come la canalizzazione o l’incapsulamento. A volte si procede addirittura con l’estrazione. Un altro motivo per cui bisogna occuparsi dei suoi denti.

6. È vero che i cani piccoli o grandi hanno più problemi con i denti?

Sia i cani grandi che quelli piccoli possono sviluppare alcuni seri problemi periodontali. Nei cani piccoli con il muso più corto e la mascella più stretta sono più frequenti i problemi legati alla formazione della placca e del tartaro. Ovviamente ciò conduce a disturbi gengivali e periodontali e anche alla caduta dei denti. Inoltre se si lasciano masticare giochi troppo grandi o duri ad un cane di queste dimensioni c’è il rischio che i suoi dentini si scheggino. I cani più grandi invece sono soggetti a lesioni alle gengive e ai denti più traumatiche, come ad esempio la rottura dell’estremità dei denti, la frattura della mandibola e il deterioramento della superficie dentale. L’esposizione della radice del dente causa un forte dolore e la perdita del dente stesso. Come per i più piccoli, anche ai cani più grandi può formarsi della placca o del tartaro i quali provocano disturbi gengivali e periodontali.

7. Come faccio a capire se il mio cane ha qualche malattia alle gengive?

Inizia con il sollevargli le “labbra”. Se i denti ti sembrano sporchi e scoloriti, con macchie marroncine/verdastre allora prenota un appuntamento dal tuo veterinario il prima possibile. Quelle macchie sono la placca e il tartaro e sono uno dei segnali premonitori di disturbi periodontali. Dopodiché esamina le gengive per individuare eventuali tracce di gonfiore e arrossamento. Se passi un dito su questa zona e noti che si infiamma o che addirittura sanguina allora vuol dire che c’è una seria condizione o infiammazione in corso. Infine annusa l’alito del tuo cane: se puzza ed è più nauseante di solito viene associato ad un’infezione batterica. Il suo alito non dovrebbe essere così cattivo da spingerti ad evitare il tuo cane. Pensa a quello dei cuccioli. Non diciamo che deve avere un alito fresco, bensì che deve essere almeno “neutro”. Se noti uno di questi sintomi rivolgiti al tuo veterinario!

8. Cosa è quell’enorme dente posizionato nella parte superiore più o meno a metà bocca?

Ebbene quel dente è il quarto premolare, detto anche “carnassial”. La sua conformazione e la sua superficie gli permettono di spezzare, macinare e tenere meglio qualsiasi oggetto ed è proprio per questo che vedi il tu cane acciuffare e mordicchiare con successo i suoi giochini masticabili con il retro della sua bocca.

Approfondimento: Tutto quel che c'è da sapere sui denti e sul morso dei cani

9. È vero che i cani possono avere il tumore alla bocca?

Sfortunatamente a molti cane viene diagnosticato questo tumore. I tumori maligni alle vie orali possono essere molto aggressivi e, se ignorati, possono diffondersi velocemente in tutto il corpo. Se noti che i tessuti all’interno della bocca del tuo cane sono più scuri del solito e che vi sono escrescenze e gonfiori allora portalo immediatamente del tuo veterinario. Se diagnosticato in tempo la prognosi può essere relativamente buona.

10. Ho provato più volte a spazzolare i denti del mio cane ed è sempre un fiasco. Sembra detestarlo. C’è qualcos’altro che posso fare per occuparmi al meglio dei suoi denti?

Stai tranquillo, non sei solo! Infatti tutti quanti affrontiamo la costante lotta tra lo spazzolino e il nostro cane! Per prima cosa è importante sapere che, sebbene l’idea di sottoporre il tuo cane ad un’anestesia per permetter al veterinario di effettuare una pulizia dei denti sia alquanto spaventosa e preoccupante, non c’è nulla da temere. Il tuo veterinario è preparato ed esegue tutti i protocolli di sicurezza necessari prima e durante l’anestesia, come ad esempio delle analisi del sangue. Probabilmente questa è l’unica cosa fondamentale che un proprietario può fare qualora non riuscisse a spazzolargli i denti a casa ed è proprio per questo che è essenziale effettuare almeno una visita annuale! Dopodiché il tuo veterinario ti darà dei giochi masticabili adatti al tuo cane che ostacolano la formazione della placca, del tartaro. Inoltre questi oggetti contengono dei componenti speciali ideati per uccidere tutti gli agenti patogeni che causano infezioni gengivali e la crescita di batteri nocivi che rischiano di aderire ai denti. E come se tutto ciò non bastasse, li aiuta ad avere un alito a prova di bacio! Concludiamo invitandovi a controllare la bocca del vostro amico a quattro zampe almeno una volta alla settimana per assicurarvi che alito, gengive e denti siano a posto. In fin dei conti non è difficile prendersi cura della bocca del proprio cane, no?

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo adesso:

(votato da 2 persone con una media di 4.8 su 5.0)

Solo per oggi: ricevi gratuitamente il nostro ebook del valore di 27,90 euro.

eBook Gratuito!

Ottieni il libro!

Guida alla dieta crudista per Cani

Solo 57 copie disponibili
Mancano alla scadenza!

Odiamo lo SPAM quanto te.
Il tuo indirizzo e-mail non è mai condiviso da noi con terze parti.

0 Commenti

Lascia un commento

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Sentiti libero di inviare un commento e partecipare alla discussione!

Leave this field empty